VIBROACOUSTIC THERAPY

“DA CUORE A CUORE” SCUOLA di SHIATSU
– SAN SECONDO PARMA –

TRATTAMENTI PROFESSIONALI  CON CAMPANE TIBETANE
“Vibroacoustic Therapy”

LI PUOI  PRENOTARE CON UN MESSAGGIO (WhatsApp)
AL N.    338 41 32 435 
PROVARE PER CREDERE!

Secondo le Filosofie Orientali, qualsiasi alterazione della salute fisica, mentale e/o emozionale, è indice di un disequilibrio energetico, uno scompenso vibratorio. Quando determinate cellule cominciano a vibrare ad una frequenza diversa dal resto del corpo, queste cellule si ammalano. In questo modo un malessere nel campo energetico vibrazionale se non armonizzato si “cristallizza” per poi manifestarsi nel campo fisico. Le campane tibetane hanno la capacità di modificare la struttura cellulare alterandone la vibrazione attraverso il PRINCIPIO DI RISONANZA Inoltre le vibrazioni interagiscono anche con i neuroni, permettendo di raggiungere stati di coscienza più elevati, maggior chiarezza e armonia mentale. Le vibrazioni delle campane tibetane, associate alle pressioni profonde dello Shiatsu possono essere utilizzate per eseguire un massaggio di tessuti e organi al fine di trattare malattie e malesseri quali: stress psicofisico, stati ansiosi e depressivi, compresi i sintomi ad essi collegati, fino ad arrivare agli attacchi di panico, nonchè tutte le patologie muscolo scheletrice ed emicranie di qualsiasi tipo, anche invalidanti. non si tratta di una qualche diavoleria in stile New Age o presa a prestito da un fantomatico stregone, ma di una terapia praticata da migliaia di anni e oggi sperimentata dai ricercatori dell’Università di Toronto. (Progetto Music and Health Research Collaboratory), coordinati dal professor Lee Bartel. L’hanno chiamata “VIBROACOUSTIC THERAPY” 

 

“Le Campane Tibetane hanno un richiamo mistico dal fascino unico, che attrae inevitabilmente chi ne sperimenta le vibrazioni. Vibrazioni che hanno la capacità di trasportarci in un luogo senza tempo e senza spazio.” Strumenti rituali millenari, le Campane Tibetane cantano la creazione dell’Universo. Attraverso le loro benefiche vibrazioni ci riportano al silenzio interiore, condizione indispensabile per poter accedere alla consapevolezza.  La loro comparsa risale tra i 5.000 e i 3.000 anni fa, durante la cosiddetta epoca Bon, la religione autoctona del Tibet che era legata allo Sciamanesimo e all’Animismo e che precedeva l’arrivo del Buddhismo. Gli Sciamani Bon utilizzavano le Campane per curare le persone. Questo prima che la tradizione buddista se ne impadronisse per altri scopi. Le utilizzavano posizionandole su punti del corpo, che previa palpazione, avvertivano dolenti o bisognosi, e, facendole vibrare, ne ottenevano così facendo effetti di guarigione. Quando una persona è in buona salute vibra alla giusta frequenza e la sua energia scorre liberamente. Viceversa in caso di malattia l’energia presenta accumuli e blocchi. Questo è il sacrosanto principio dello Shiatsu, che a mio avviso può essere integrato per potenziarne gli effetti. Quando si percuote una campana tibetana a contatto del corpo, si creano delle forti vibrazioni che entrano in profondità e si irradiano lungo il percorso dei meridiani energetici, arrivando in punti profondi che non avremmo mai potuto raggiungere in altra maniera. Riprendendo quello che era il loro uso primario, lo Shiatsuka, che naturalmente deve essere uno “Shiatsuka”, cioè essere arrivato ad avere le mani che “sentono”; può usare le Campane Tibetane posizionandole sui meridiani energetici che avverte “critici”. Facendole vibrare riesce così a creare o a liberare un’energia estasiante, avvertibile concretamente al di là di qualsiasi spiegazione logica. I benefici che si ottengono sono molteplici, vanno da un dolce e profondo rilassamento generale, all’applicazione mirata nell’intento di risolvere patologie specifiche. Il tutto naturalmente, piacevolmente e senza controindicazioni.